Home » Convegno “La Fisioterapia in tutti i luoghi di vita”: l’intervento del presidente Rossetto (OBL) alla tavola rotonda dell’OFI Bergamo

Convegno “La Fisioterapia in tutti i luoghi di vita”: l’intervento del presidente Rossetto (OBL) alla tavola rotonda dell’OFI Bergamo

di Ufficio Stampa
1,2K views

C’era anche il presidente dell’Ordine dei Biologi della Lombardia, dott. Rudy Alexander Rossetto, alla tavola rotonda organizzata nell’ambito del convegno “La Fisioterapia in tutti i luoghi di vita“, evento promosso dall’Ordine dei Fisioterapisti (OFI) di Bergamo in collaborazione con l’Associazione Italiana Fisioterapia (A.I.FI.) in occasione della Giornata Mondiale della Fisioterapia. L’incontro è andato in scena sabato mattina, 9 settembre, nei locali dello Spazio Polaresco di Bergamo.

GLI AUGURI DEL PRESIDENTE ROSSETTO AL NEONATO OFI
“Desidero fare gli auguri a tutti i fisioterapisti per la giornata mondiale dedicata alla loro professione, ma soprattutto per l’importanza che essi assumono da oggi, come neonato ordine territoriale” ha esordito il rappresentante dei biologi lombardi esortando i fisioterapisti a “credere fino in fondo nelle loro potenzialità e nel peso della loro straordinaria professione”. Come noto, ha infatti rimarcato Rossetto “nel sistema sanitario la cura delle persone deve passare dalla prevenzione” e proprio in questo settore “i fisioterapisti svolgono un ruolo a dir poco fondamentale”.

COLLABORAZIONE TRA I DUE ENTI E APPROCCIO ALLA DISABILITA’
Il presidente dell’OB Lombardia ha inoltre ribadito quanto sia importante instaurare una stretta “collaborazione tra i due enti professionali”. “Noi biologi siamo pronti, non solo per quanto concerne la formazione” – a tal proposito, ha aggiunto ancora Rossetto: “i fisioterapisti saranno integrati nel progetto Scuola del nostro OBL” – ma anche nei confronti della “disabilità dove si avverte fortemente la necessità di un approccio diverso ed un cambio di mentalità radicale, che la smetta di considerare tale ‘problematica’ con un’accezione negativa”. Insomma: serve un “mutamento di rotta a trecentosessanta gradi”, ha rilanciato Rossetto, invocando “una vera e propria rivoluzione culturale che coinvolga anche gli stessi disabili”.

CATEGORIA E SENSO DI APPARTENENZA
Rivolgendosi, infine, al presidente dell’OFI Bergamo, dott. Simone Ruggeri, il dott. Rossetto ha ribadito come “anche tra i fisioterapisti occorra lavorare” affinché si crei un “senso di appartenenza”, perché “l’Ordine non è una tassa da pagare, bensì un ente che tutela la categoria”. “La differenza, in tal senso, la fanno sempre gli uomini che sono chiamati a governare ed amministrare un Ordine professionale. Uomini che non devono lavorare nei ritagli di tempo, ma h24 nel pieno interesse dei professionisti che essi stessi rappresentano” ha concluso Rossetto.

Il pubblico presente in sala

Articoli correlati

Lascia un commento