Home » Più posti nelle Scuole di Specializzazione, Borse di studio e sanatoria DGR7044: la mission dell’OBL per gli iscritti

Più posti nelle Scuole di Specializzazione, Borse di studio e sanatoria DGR7044: la mission dell’OBL per gli iscritti

di admin
2,3K views

Obiettivo due raggiunto: borse di studio riservate anche ai Biologi. Il presidente e la vice presidente dell’Ordine dei Biologi della Lombardia, Rudy Alexander Rossetto e Marzia Bedoni, sono impegnati, in questi mesi, nelle interlocuzioni con la Regione Lombardia e poi con una serie di ricognizioni avviate con le università lombarde. Uno sforzo congiunto, quello messo in campo, che, “come abbiamo già visto (risultato numero uno!!), ha portato all’aumento, per quest’anno, della quota posti riservati ai Biologi passata da 90 a 200!! Ora si punta a raggiungere i 400 e successivamente la soglia dei 600″ ha spiegato Rossetto. Intanto però, ha rilanciato il rappresentante dell’Ordine: “questi posti…non sono retribuiti!! Per assurdo, puoi arrivare anche ad avere…200mila posti ma se poi questi non sono retribuiti, si può mai pensare veramente che i colleghi, che lavorano da decine d’anni in questo ambito, lascino il lavoro per potersi prendere la ‘Specializzazione’? Tutto questo solo per poter continuare a fare ciò che, in buona sostanza, già stavano facendo prima?”.

OK DALLA REGIONE ALLA PROPOSTA DEL PRESIDENTE ROSSETTO
Proprio in merito all’aumento dei posti riservati all’area “non medica” nelle Scuole di Specializzazione, il presidente dell’OBL ha “spoilerizzato” che finalmente la Regione Lombardia ha recepito la proposta, avanzata, in tal senso, dal rappresentante dei Biologi lombardi, tra le prime cose, ad inizio mandato, nel 2022, e rinnovata con una lettera datata 28 marzo 2023 alla DG Welfare, della quale riportiamo, di seguito, uno stralcio:

(…) al fine di aumentare il numero di posti a disposizione per i Biologi, per le sole specialità inerenti la Medicina di laboratorio, si potrebbe (…) intervenire utilizzando i posti che spesso vengono lasciati liberi dai colleghi medici, così come le relative borse di studio, visto anche il notevole aumento di figure dirigenziali che la DGR 7044 ha imposto (…)

IL RINGRAZIAMENTO DEL “NUMERO UNO” DELL’OBL
Tra l’altro, il presidente Rossetto ci ha tenuto a rinnovare “stima e ringraziamento” alla DG Welfare per quello che il “numero uno” dell’Ordine ha considerato un “enorme successo” ed, in particolare, il direttore generale (in uscita) il dott. Giovanni Pavesi, al quale “va il nostro miglior augurio per la nuova e prossima avventura in AIFA”, per “il continuo confronto, avvenuto anche nei periodi delle festività, sia in quelle estive (nel mese di agosto) sia durante quelle natalizie, con un incontro, organizzato il 27 dicembre scorso, per discutere della tematica Biologi e della DGR 7044”.

BORSE DI STUDIO ANCHE PER I BIOLOGI
E’ dunque su questo “spunto”, ha fatto notare Rossetto, che “l’Ente di palazzo Pirelli ha deciso di ‘stanziare’ o meglio di ‘spostare’ le borse di studio andate deserte (quelle originariamente destinate ai medici), all’area ‘non medica’, per l’ammontare complessivo di un milione e 300mila euro. Risorse utilizzate per coprire (vedi stralcio) in toto 16 borse. Tale cifra potrebbe finanche lievitare fino a 1,6 milioni di euro! E’ la prima volta che accade una cosa del genere e questo merita senz’altro un applauso”. Si tratta “di un risultato di cui andare fieri. Un risultato epocale!!” ha ribadito Rossetto. “Vedremo poi in che modo queste risorse saranno allocate” ha aggiunto ancora il presidente dell’OBL. In ogni caso, ha sottolineato: “seppur tale cifra non sarà sufficiente a coprire tutti i posti messi a disposizione nelle Scuole di specializzazione non possiamo che essere appagati di questo enorme risultato, ottenuto per la prima volta in Italia a favore della nostra categoria”.

ORA, OBIETTIVO SANATORIA
Poi, come si suol dire, non c’è il due senza tre! Prossimo obiettivo del presidente Rossetto? “Cercare di ottenere l’ormai reiterata sanatoria per tutti quei colleghi che vedono ‘complicazioni’ se non addirittura il rischio della perdita del posto di lavoro all’orizzonte derivate da quel famoso ‘articolo’ presente nella DGR7044″.

Articoli correlati

Lascia un commento