Home » Nuovo corso di laurea magistrale “Industrial Nanobiotechnologies for Pharmaceuticals” dell’Università di Pavia: il presidente Rossetto (OBL) incontra i prof. Conti e Racchi

Nuovo corso di laurea magistrale “Industrial Nanobiotechnologies for Pharmaceuticals” dell’Università di Pavia: il presidente Rossetto (OBL) incontra i prof. Conti e Racchi

di Ufficio Stampa
295 views

Nei giorni scorsi il dott. Rudy Alexander Rossetto, presidente dell’Ordine dei Biologi della Lombardia, ha incontrato la prof.ssa Bice Conti, coordinatrice del nuovo corso di laurea magistrale in inglese dal titolo “Industrial Nanobiotechnologies fo Pharmaceuticals” attivato, quest’anno, all’Università di Pavia, e il prof. Marco Racchi direttore del Dipartimento di Scienze del Farmaco a cui afferisce il nuovo corso di laurea magistrale.

L’occasione è servita proprio per illustrare al rappresentante dei biologi lombardi, il nuovo “percorso didattico” attinente alla classe delle lauree magistrali LM8 e pertanto darà l’opportunità ai laureati di potersi iscrivere all’Ordine dei Biologi. Più in particolare, “Industrial Nanobiotechnologies for Pharmaceuticals” è un corso altamente specialistico che si prefigge l’obiettivo di formare professionisti qualificati in grado di soddisfare le esigenze di ricerca, produzione e controllo qualità delle industrie farmaceutiche che operano nell’area delle nanotecnologie applicate alle Biotecnologie Farmaceutiche.

La Nanobiotecnologia dal canto suo, può essere definita come un “ramo” delle biotecnologie che applica materiali in scala nanometrica sia per lo studio dei sistemi biologici, sia per lo sviluppo di nuove tecnologie applicabili in campo medico.

Si tratta di una vera e propria integrazione tra nanotecnologie a biotecnologie. Il tutto al fine di creare nuovi prodotti farmaceutici a base di sistemi nanodimensionali che possano trovare largo impiego in ambito diagnostico ma anche nella cura e nella prevenzione di patologie.

L’area scientifica in questione è strettamente “legata” alla nanomedicina per quanto attiene lo sviluppo di   prodotti farmaceutici ed è riconosciuta da enti regolatori e associazioni scientifiche come EMA e d ETPN con definizioni e linee guida appropriate.

Il collegamento tra università e Ordine dei Biologi darà dunque la giusta collocazione ed evidenza al laureato in “Industrial Nanobiotechnologies for Pharmaceuticals” per una sua appropriata collocazione nel mondo del lavoro.

Il corso di laurea magistrale, come anticipato, è in lingua inglese, quasi una necessità vista la globalizzazione del settore farmaceutico. Da qui, dunque, la possibilità che possa esserci una buona partecipazione anche di studenti stranieri.

Dal momento che i laureati in “Industrial Nanobiotechnologies” potranno iscriversi all’Ordine dei Biologi il presidente dell’OBL, dott. Rossetto, ha dato ampia disponibilità per una collaborazione con l’ateneo pavese anche per pubblicizzare ulteriormente l’importante iniziativa formativa.

Lo stesso presidente Rossetto, d’altronde, ha visto “di buon grado il corso” trovandolo “innovative” e soprattutto  “indicato per il momento storico che stiamo vivendo e per l’opportunità  lavorativa che viene offerta ai futuri colleghi data anche la richiesta, sul campo, di figure qualificate e preparate su questo delicato tema”.

Nel corso dell’incontro si è discussa, tra l’altro, anche la possibilità di poter patrocinare (a livello non oneroso) il corso magistrale proprio come Ordine dei Biologi della Lombardia.

Il presidente Rossetto ha ringraziato la prof.ssa Conti ed il prof. Racchi auspicando che da questo “primo momento conoscitivo possano gettarsi le basi per la costruzione di un rapporto ancora più grande tra l’ente di rappresentanza dei Biologi Lombardi e l’Università di Pavia”.

Non a caso già nei prossimi giorni lo stesso Rossetto incontrerà anche la professoressa Rossi per fare il punto sul tema “Esami di Stato” e, a ruota, il Magnifico Rettore ed altri docenti dei corsi di Biologia dell’università di Pavia. Il tutto per instaurare un “tavolo costante ed unito” con punti di lavoro comune per la crescita dell’OBL e dell’ateneo lombardo, ma soprattutto per la collaborazione tra i due Enti unicamente mirata al bene degli studenti ed al loro futuro.

Il dott. Rudy Alexander Rossetto, presidente dell'OB Lombardia
Il prof. Marco Racchi
La prof.ssa Bice Conti
La facciata dell'università di Pavia (foto: unipv.news)

Articoli correlati

Lascia un commento