Home » A Milano, il laboratorio di “Nutrizione sana” organizzato dalla Fondazione L’Albero della Vita con il patrocinio dell’OBL. L’intervento della dott.ssa Di Geso

A Milano, il laboratorio di “Nutrizione sana” organizzato dalla Fondazione L’Albero della Vita con il patrocinio dell’OBL. L’intervento della dott.ssa Di Geso

di Ufficio Stampa
132 views

Si è parlato di “Nutrizione sana” a Milano, con uno sguardo rivolto ad “alimenti, etichette, consigli alimentari e spesa intelligente“. L’occasione è stata quella di un vero e proprio “laboratorio“, allestito nei locali di Villa Pallavicini (via Meucci, 3). L’evento, organizzato dalla Fondazione L’Albero della Vita E.T.S., è stato patrocinato dall’Ordine dei Biologi della Lombardia presente ai lavori, per i saluti istituzionali, con il suo vicepresidente, la dott.ssa Marzia Bedoni, delegata dal presidente, dott. Rudy Alexander Rossetto. Il laboratorio è stato presentato dalla dott.ssa Samantha Di Geso che da 20 anni, nel suo centro del capoluogo meneghino, si occupa di nutrizione sana sul territorio milanese.

L’ALBERO DELLA VITA
L’Albero della Vita, organizzazione non a scopo di lucro, apartitica e apolitica, è nata nel 1997 con l’obiettivo di proteggere la vita dei bambini in difficoltà e trasformare il disagio in una nuova opportunità. Il proprio operato è volto infatti ad assicurare il benessere, proteggere e promuovere i diritti, favorire lo sviluppo dei più piccoli, delle loro famiglie e delle comunità di appartenenza. “L’opportunità e l’accoglienza – è stato fatto notare nel corso del laboratorio – passa attraverso incontri con professionisti che, nel loro ambito, cercano di supportare e guidare verso la salute le famiglie sul territorio”.

L’INTERVENTO DELLA DOTT.SSA DI GESO
Nel suo intervento, la dottoressa di Geso ha parlato di “nutrienti-alimenti ed etichette” fornendo “consigli alimentari per un piatto sano e felice di famiglia” per poi concludere con “consigli per una spesa sana, intelligente ed economica”. Si sono anche toccati punti importanti quali il riciclo, la programmazione, i colori del cibo, il giusto esempio in famiglia per dei bambini sani, senza colpevoli o cibi da “demonizzare” ma per “un’alimentazione fatta di scelte consapevoli ed equilibrate”. Sicuramente, ha sottolineato da parte sua la vicepresidente Bedoni: “questa è solo la tappa iniziale di una più vasta collaborazione da parte dell’OBL sempre più presente, anche praticamente, nella vita di tutti i giorni con il suo impegno nelle scuole e per le famiglie”.

Articoli correlati

Lascia un commento