Home » Mostra “squali e abissi, predatori perfetti in una terra aliena”: a Milano scienza, cultura e natura si incontrano in…stazione

Mostra “squali e abissi, predatori perfetti in una terra aliena”: a Milano scienza, cultura e natura si incontrano in…stazione

di admin
915 views

Squali e abissi: predatori perfetti in una terra aliena“. E’ intitolata così la prima mostra completa dedicata al mondo sottomarino e ai suoi abitanti, in programma negli spazi della Galleria dei Mosaici (sul piano binari), all’interno della stazione di Milano Centrale, dal 12 giugno al 26 novembre 2023 (con chiusura estiva dal 7 al 20 agosto compresi)

PATROCINIO DELL’ORDINE DEI BIOLOGI DELLA LOMBARDIA
L’esposizione, che gode del patrocinio non oneroso dell’Ordine dei Biologi della Lombardia, il cui logo campeggia, oltre che sulla locandina, anche sul catalogo illustrato della mostra (che verrà presentato il prossimo 12 giugno all’inaugurazione dell’esposizione) – dove si potrà leggere anche una parte dedicata proprio alla biologia marina ed al contributo che i Biologi possono dare allo studio (ed alla tutela) dell’ecosistema marino –  e sull’apposito LED allestito in via Cusani 12 a Milano, invita lo spettatore a immergersi negli oceani, nei caldi mari tropicali e nelle fredde acque abissali, per conoscere tutte le strane creature marine che li popolano e che sono per lo più sconosciute.

UN TOUR ALLA SCOPERTA DEGLI SQUALI
Un vero e proprio tour sottomarino, insomma, in cui si possono incontrare incredibili forme gelatinose e scoprire più di 30 esemplari di squali: dal grande squalo bianco lungo 6 metri, allo squalo tigre, al martello, al volpe, al leucas, fino al più piccolo esistente: lo squalo pigmeo. Gli squali sono predatori che popolano i mari da 450 milioni di anni e rimasti quasi immutati nel tempo.

UN LEGAME SPECIALE CON I POPOLI DEL MARE
All’interno degli spazi della Galleria dei Mosaici presso la stazione di Milano Centrale si potranno dunque ammirare, da vicino, le ricostruzioni a grandezza naturale degli squali più spettacolari provenienti da mari e oceani di tutto il mondo, compiendo un viaggio alla scoperta della loro anatomia interna attraverso l’uso di modelli, video e pannelli descrittivi, insieme a sculture in bassorilievo tattili. Il percorso presenta inoltre documentari esclusivi sul legame tra questi animali e la cultura di molti popoli che vivono sul mare, come quella Maori, che hanno divinizzato gli squali tanto da ricoprire i propri corpi con amuleti e tatuaggi che li rappresentano, come offerta in onore degli dei del mare.

PER LA SALVAGUARDIA DELLA SPECIE
Una sezione della mostra è dedicata anche alla salvaguardia delle specie, sottolineando come il più temibile dei predatori sia diventato in tempi moderni una preda, e come la sopravvivenza sua e di molte altre specie sia sull’orlo dell’estinzione.

LE MERAVIGLIE NASCOSTE DEGLI ABISSI
La kermesse “Squali e abissi – predatori perfetti in una terra aliena” permette dunque di conoscere le meraviglie e le incredibili forme di vita che si trovano negli abissi più profondi. Queste, plasmate dal buio assoluto e dal gelo delle acque più basse, hanno forme incredibili e sembrano appartenere ad un mondo alieno e quasi immaginario. Il buio tuttavia non è mai assoluto: le profondità abissali si accendono infatti ad intermittenza delle luci chimiche dei suoi abitanti, ovvero organismi incredibili che hanno fatto della luce l’unico loro strumento di comunicazione.

Date e orari:
Presso stazione di Milano Centrale – Galleria dei Mosaici
Piazza Duca d’Aosta 1, 20124 Milano
Dal 12 giugno al 26 novembre 2023
Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso ore 19)

CONVENZIONE PER I BIOLOGI: I PREZZI
Per i Biologi interessati a visitare la mostra, grazie ad una convenzione stipulata dall’Ordine dei Biologi della Lombardia con gli organizzatori dell’evento, sono stati concordati questi prezzi:

ingresso singoli:
9 euro (giorni infrasettimanali)
10 euro (weekend e festivi)

ingressi in gruppi da n. 10 persone:
7 euro (giorni infrasettimanali)
8 euro (weekend e festivi)

Articoli correlati

Lascia un commento