Protocollo d’intesa per coinvolgere i biologi nelle Case di Comunità della provincia di Bergamo

Protocollo d’intesa per coinvolgere i biologi nelle Case di Comunità della provincia di Bergamo. Lo hanno firmato, nei giorni scorsi, l’Ordine Nazionale dei Biologi, insieme ad altri ordini professionali, con l’assessore alla Salute e vicepresidente della regione Lombardia, Letizia Moratti.

Nello specifico, la lettera d’intenti è stata firmata dall’ONB con Ats Bergamo, per la quale era presente il direttore generale Massimo Giupponi, le ASST, il consiglio di rappresentanza dei sindaci, gli ordini professionali, le associazioni di volontariato e gli enti del terzo settore della provincia di Bergamo.

La Casa di Comunità diventerà lo strumento attraverso cui coordinare tutti i servizi offerti, in particolare ai malati cronici. Sarà una struttura fisica in cui opererà un team multidisciplinare di professionisti della salute e potrà ospitare anche assistenti sociali, rafforzando così il ruolo dei Servizi Sociali territoriali, nonché una loro maggiore integrazione con la componente sanitaria assistenziale. La Casa di Comunità è finalizzata a costituire il punto di riferimento continuativo per la popolazione, garantendo la promozione
della salute, la prevenzione e la presa in carico della comunità di riferimento.

A breve sarà pubblicato il testo integrale del documento.